Front for Moroso

| 7 comments

front-for-moroso-squ-front_kuddsoffa_front.jpg

Milan 09: Swedish designers Front will launch a collection of furniture for producers Moroso in Milan next month.

front-for-moroso-front_kuddsofa_side.jpg

The range includes two sofas, an armchair, a table and a rug.

front-for-moroso-front_draperad_front.jpg

Here's a press release from Moroso, in Italian:

--

MOROSO AL SALONE DEL MOBILE 2009: anticipazioni

Quest’anno Moroso presenta al Salone una serie importante di nuovi prodotti che come sempre rappresentano ispirazioni diverse che l’azienda esprime attraverso il lavoro con i designer.

front-for-moroso-front_collection_part.jpg

Per questa edizione si è partiti da un ragionamento sul concetto di leggerezza, sul gioco delle immagini - dove ciò che è non sempre coincide con ciò che appare - e la ricerca sulle forme, sui colori e sui tessuti: super raffinati, tecnologici e nuovi.

front-for-moroso-front_collection.jpg

Legato al concetto dell’apparenza è il lavoro realizzato con il gruppo tutto al femminile di giovani designer svedesi, le FRONT, che improntano per la prima volta per Moroso un progetto di sedute, divani e poltrone.

front-for-moroso-front-2b.jpg

La collezione si caratterizza nello specifico per l’ utilizzo di immagini fotografiche, una trama di tessuto drappeggiato e una foto di cuscini volanti, che stampate sul tessuto - un velluto di pregio - danno forma a due divani e una poltrona. Il tutto si completa poi con un tavolino e un tappeto che ritrae un’immagine con riflessi di luce e ombre che idealmente arrivano da una finestra socchiusa, altrove.

front-for-moroso-front3b.jpg

Nel processo creativo non si parte quindi dalla definizione della forma dei prodotti ma da un’immagine che la contiene, questo fa si che il lavoro si incentri sul processo di realizzazione, dalla progettazione fino al prodotto finito, e la scelta delle foto e la loro lavorazione diventa l’elemento chiave.

Richiami alla natura, effetto leggerezza e impalpabilità sono invece le caratteristiche dei nuovi prodotti realizzati da Tokujin Yoshioka che lui stesso descrive così: “Questo nuovo prodotto per Moroso è un qualcosa che ricorda le nuvole nel cielo e il flusso di acqua, di cui ognuno di noi ha una suggestione nella mente” aggiungendo un dettaglio che spiega perfettamente la scelta del particolarissimo tessuto usato: “Ho voluto esprimere la consistenza del materiale in natura attraverso un prodotto industriale”.

Anche nella collezione “Fergana” realizzata da Patricia Urquiola per Moroso spicca un’attenta ricerca sui tessuti, che combinano antiche tecniche di tessitura Uzbeke, con realizzazioni industriali europee. La serie di prodotti si compone di un sistema di sedute particolarmente confortevoli e di grande formato composte da un divano scomponibile che può anche diventare un monoblocco con tavolo incorporato.

Interessante è l’opzione che prevede l’inserimento di una libreria nel blocco. La struttura è interamente in legno ed è concepita non come un classico divano da parete ma come un’ isola che è il tipico modo di vivere le sedute nella tradizione Uzbeka. Un’importante serie di cuscini adagiati sulla seduta rende il sistema particolarmente confortevole e accogliente.

La seconda realizzazione di Patricia Urquiola è invece idealmente ispirata ad una rift valley, da cui deriva il nome RIFT dato alla collezione, che si compone di due divani (Aden Sofa e Afar Rift) completati da due sedute: la poltrona (Rift Armchair) e la sedia (Rift Chair). Come placche tettoniche che si dividono e tendono a scontrasi e sovrapporsi formando strati diversi, così il divano e le sedute rappresentano in modo particolarissimo un effetto di movimento slittato e di combinazione asimmetrica.

Fra le tante altre novità di quest’ anno, colpisce in modo particolare la suggestione creata da Patrizia Moroso intorno all’Africa con un evento fuori salone presso lo showroom milanese di Via Pontaccio, dove si vuole esplorare - attraverso diverse forme artistiche - una nuova e contemporanea idea di bellezza e forza legata a questo paese. Artisti, designer, produttori, architetti e altri creativi africani, coordinati dal designer afro-americano Stephen Burks, realizzeranno installazioni su pavimenti e pareti, con oggetti e arredi fatti a mano, dando vita ad una festa “espressiva” dove l’arte contemporanea africana diventa stimolo per l’ interior design. Suggerisce Patrizia Moroso: “Non aspettatevi atmosfere e oggetti etno- chich, l’Africa è molto più di questo ! ”.

Colori, tessuti e richiami dal mondo saranno anche l’ispirazioni dello Stand al Salone, realizzato da Patricia Urquiola e Martino Berghinz per Moroso (PAD. SP/1 STAND C25 / D24).

See all our stories from Milan in our special Milan 09 category.

| 7 comments

Posted on Thursday, March 19th, 2009 at 3:15 pm by . See our copyright policy. Before commenting, please read our comments policy.

  • elisabet

    I wish I could read the Italian description of the project!

    Unlike some dezeen readers who seem to want furniture to be stupid and Luddite and about nothing more than how to ‘solve the problem of where to put your bum down’ I’m always interested in what the ideas are that go with every project. Especially from Front. They’ve had really sweet ideas in the past that just add to the emotion of each piece, for me.

    Looks beautiful- I look forward to seeing more production work from this awesome studio!!

  • step_out_of_a_triangle_and_into_striped_light

    i lived in a share house when i was a student. our couch had this huge rug thrown over it. it looked like this

  • modular

    Gaining some weight… hehe!

  • http://www.yatzer.com Prof ZUY: in front of FRONT

    awesome studio!!from Ikea to Moroso, even STARck dunot do that…

  • cheerful charlie

    Maybe I’m naive but Front disappoints again. Admittedly interesting at expanding concepts but they constantly flatter to deceive. Ironically for a Swedish design team they seem baffled by function. This looks like another impractical output that may woo the converted but will fizzle quickly once the heat has cooled.

  • Marcus

    Need to see them in real. Looks interesting. a project mixing the furniture shown at Rossana Orlandi’s place last April, tha shade and the soft wood. will see it in a month

  • name

    The first sofa reminds me allot of a sofa by Naoko Kanehira seen at http://www.dezeen.com/2008/07/16/naoko-kanehira-at-new-designers/